Ladytux

avanzando senza sosta, su terreni accidentati

Dieci buone ragioni per un voto utile, a sinistra

Posted by ladytux su febbraio 27, 2008

Gloria Buffo e Marisa Nicchi (dal Manifesto)

L’impressionante fuoco mediatico a favore di Veltroni e del Pd non deve stupire più di tanto. Ci sono in questo fenomeno gli aspetti ridicoli e un po’ mascalzoni del nostro giornalismo come testimonia (ma è solo un piccolo esempio) il titolo di un grande quotidiano che presenta Finocchiaro e Borsellino in Sicilia come un ticket del Pd. Si tratta di un falso, ma tutto serve a alimentare la batteria di fuoco pro Pd. C’è poi sicuramente l’interesse dei gruppi economici forti a sostenere e ispirare un partito amico loro che viene non a caso presentato come l’unica scelta che può contare. E c’è anche però una lezione per noi ovvero, che la campagna elettorale si combatte subito, ogni giorno, con le proposte e con l’iniziativa serrata. Non è più il tempo di dire «la sinistra e il Pd non saranno fratelli coltelli». Adesso si compete, il tempo dei pranzi di gala è finito.
Accanto alle proposte vere e proprie – che speriamo vivamente siano asciutte,e facilmente comprensibili – bisogna argomentare politicamente le ragioni del voto per la Sinistra Arcobaleno. Noi ne vediamo alcune chiarissime che vanno evidenziate adesso se non vogliamo inseguire gli argomenti altrui.La prima ragione (più rispetto per le donne, meno paura del Vaticano) è che il voto alla sinistra è utile perché è l’unico che garantisce alle donne che non si scambierà la loro libertà e dignità e il loro corpo con le diplomazie verso il Vaticano. Attenzione: nessuno dice che la legge 194 è da cambiare, ma gli altri non sono disposti a denunciare il fatto che si vuole snaturare quella legge contro l’autonomia delle donne. Questa è la vera questione in gioco. Il Pd dice che l’aborto va lasciato fuori dalla campagna elettorale perché non vuole spendersi a fondo a tutela dello stato di diritto e del compromesso tra stato e decisione della donna contenuto in quella legge.
La seconda ragione (meno guerra, più buona politica) del voto utile riguarda la guerra: l’unica garanzia che L’Italia non parteciperà a dissennate azioni armate nei Balcani è il voto alla Sinistra. L’unica certezza che si cercherà una strada meno rovinosa per l’Afghanistan di quella di una azione militare che dopo sei anni palesemente non funziona è la scelta per la sinistra
La terza buona ragione (meno spese militari più soldi alla scuola e all’università) è il disarmo: l’Italia è al trentaduesimo posto per la ricerca scientifica e al quarto per spese pro capite per armi e difesa. Di fronte al riarmo impressionante in corso, di fronte all’evidenza che qui sta una delle radici dell’ineguaglianza spaventosa e dei pericoli per l’umanità, solo la sinistra prende impegni chiari.
Al quarto posto (più diritti e salari, meno sconti alle imprese), non certo per importanza, sta il lavoro. Bene che se ne torni a parlare, dice Epifani. Ma, impresa e lavoro sono uguali? La Sinistra pensa di no e sceglie: per un paese più giusto e moderno. Bisogna ridare riconoscimento e dignità al lavoro. Lo spieghiamo prima o poi in un dibattito televisivo che se i salari non sono stati al centro della politica del governo Prodi, benché la Sinistra lo chiedesse, è perché non hanno voluto Padoa Schioppa e i veti del Pd? I co.co.co. e i co.co.pro. sono in gran parte lavoratori dipendenti mascherati e questo imbroglio lo conoscono tutti. Il Pd propone ora di dargli un salario minimo, ma non di superare l’imbroglio. Non sarà più riformista svelare l’inganno e cambiare quelle norme della legge 30, operazione che non costa ai contribuenti, ma chiede alle imprese quella responsabilità sociale che dopo anni di crescita dei profitti è il minimo che si può chiedere? La redistribuzione così non avverrebbe solo a spese dello stato (con il calo delle tasse sul lavoro), ma con una divisione dei benefici della produttività più equa.
Quinto (più stato sociale, meno regali alle rendite). A proposito di redistribuzione bisogna chiedere una tassazione più giusta, anzitutto delle rendite. E poi, visto che la ricchezza si può ripartire verso il basso attraverso salari, pensioni e servizi bisogna necessariamente rafforzare lo stato sociale in controtendenza con lo svuotamento perseguito in questi anni. Un asilo nido è indispensabile quanto un pronto soccorso e la politica per sostenere la non autosufficienza, per assicurare alle donne la libertà di lavorare non si risolve con un bonus in denaro, ma contando su una rete di servizi forti: qui c’è il pilastro di una maggiore giustizia sociale e di un progresso economico. Quando Veltroni dice che si devono tagliare tre punti di spesa pubblica cosa accadrà per sanità e servizi? Il voto alla sinistra è l’unica garanzia che si vada verso il rafforzamento del welfare.
Sesto (più qualità allo sviluppo, meno scempio di risorse e territorio). L’ambientalismo del «sì» proposto da Veltroni è speculare a quello del «no»: li non va bene niente, qui va bene tutto. Invece ci vuole l’ambientalismo della qualità. La garanzia sta nella sinistra arcobaleno che non deve rendere conto ai grandi interessi economici, ma tiene a cuore i beni comuni.
Settimo (più libertà per le persone e meno ipocrisie conservatrici). La libertà di divorziare senza attendere troppi anni, i diritti degli omosessuali, il testamento biologico: la garanzia che uno stato paternalista – che in Europa non c’è più – non decida al posto nostro, sta in Italia solo a sinistra.
Ottavo (più soggetti televisivi, meno favori a Mediaset). Il conflitto d’interessi non ha trovato soluzione perché non si è voluto né la volta scorsa, né questa. Prima, perché D’Alema diceva che Berlusconi si sconfigge politicamente, più recentemente invece, c’era da fare, insieme a Forza Italia, la legge elettorale bipartitica. Anche qui, il voto a sinistra è l’unica speranza. Infatti chi ragiona in termini di potenza sostenendo che le armate televisive di Berlusconi non si possono toccare ed è meglio venire a patti chiedendo spazi a Mediaset, non ragiona in termini liberali. La sinistra in Italia è più liberale dei democratici.
La nona ragione (meno partiti nelle nomine, più politica nella società) è la questione morale. Non c’è legalità, né lotta alla mafia se non si moralizzano vita pubblica e partiti. E non ci pare che il problema sia solo dalle parti di Ceppaloni. Ci vuole coraggio: avanti con la legge sulle nomine in sanità, passi indietro dalle giunte impresentabili. Quella della questione morale è una sfida difficile, ma è quella vitale.
E infine la politica-politica: chi non desidera che il Pd si butti nella grande coalizione ha un solo sistema per scongiurarlo, far arrivare tanti voti alla sinistra.
Una postilla sul ’68. A parte che il 6 politico non data a quell’anno, molti elettori ricordano cosa era l’Italia prima di quel grande cambiamento: provinciale, ottusa verso le donne, con le classi differenziali nella scuola pubblica… anche in questo caso i liberali e i progressisti stanno più a casa nostra che dalle parti del Loft.
Voler essere insieme Sarkozy, Obama, Zapatero va bene forse per gli spot, un po’ meno per la realtà vera delle cose e delle persone e per questa Italia bisognosa di una svolta di giustizia, libertà e civiltà.
la Sinistra l’Arcobaleno

Annunci

3 Risposte to “Dieci buone ragioni per un voto utile, a sinistra”

  1. ladytux said

    @ a me ne basta uno…non morire democristiana…e scusate se è poco 😀

  2. Elio said

    Ceppaloni deposito di eternit.
    Continua in modo vergognoso e superficiale l’abbandono di lastre di eternit ai margini della strada comunale “Manni”, che collega Beltiglio a Ceppaloni. Ben oltr 3 mesi fa, attraverso il nostro portale, abbiamo denunciato la presenza di numerosi fogli, molti dei quali in stato di frantumazione, causata, molto probabilmente, dai pneumatici delle automobili e dei trattori. Ad oggi, purtroppo, dobbiamo rilevare che nonostante le rassicurazioni dell’Amministrazione Comunale, nessun provvedimento serio (idoneo trattamento e una attenta rimozione)è stato adottato per scongiurare il rischio danni irreparabili.
    Inutile ricordare a tutti la pericolosità dei prodotti in cemento-amianto, dovuta essenzialmente alla possibile liberazione di fibre di amianto che normalmente sono legate alla malta cementizia. E’ infatti dimostrato che anche bassissime esposizioni a polveri di amianto possono indurre un ben preciso tumore polmonare.

  3. ladytux said

    @elio..che volemo fà? dico sul serio, se proponi una forma di protesta io te l’appoggio.
    critica: tu ti fidi delle rassicurazioni dell’Amministrazione comunale di CEPPALONI???? ah beh.
    (non potete con tutta la cittadinanza mettervi le mascherine, tute, quel che serva, prendere i fogli, chiamare le tv e portarle DENTRO o davanti l’amministrazione comunale?)
    la butto lì così non so quanto sia fattibile, ma pensateci.
    besos rojos
    ladytux

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: