Ladytux

avanzando senza sosta, su terreni accidentati

Insulti su internet,facciamo un pò chiarezza

Posted by ladytux su ottobre 29, 2008

Visto che si parla spesso di ingiurie, diffamazioni, e quant’altro sui vari blog, siti, newsgroup e simili, (e qualche volta si chiede alla redazione di kilombo difesa anche se il “reato” è fuori kilombo) visto che sto facendo ricerchine e ascoltando un pò di gente per altri motivi, e visto che io ho studiato diritto sì, ma ad economia e non a giurisprudenza, per cui penale non l’ho fatto e non esercito vi metto qui dei brani, tratti da due siti di consulenza giuridica e guidati da professionisti (su uno ho la reale certezza della sua bravura)

(alla fine c’è anche la sezione “vignette” qui tanto contestate)

http://blog.solignani.it/2002/12/11/diffamazione-via-internet/ in modo che possiate regolarvi di conseguenza.

Vorrei sapere se le calunnie, le falsità le menzogne e quantaltro, che danneggiano un cittadino italiano su un sito italiano sono perseguibili a norma di legge e se si quale è l’iter da seguire per tutelarsi. Si possono, inoltre, chiedere i danni morali e materiali se un persona è offesa e calunniata? Grazie e complimenti. (Emilio, via mail)

Certamente. Internet, da questo punto di vista, è uno strumento di comunicazione come gli altri, per cui i reati di ingiuria e la diffamazione, come possono compiersi per lettera, telefono o tramite tradizionali mezzi di comunicazione di massa, quali la radio o la televisione, possono senz’altro considerarsi realizzati tramite la posta elettronica, i newsgroup o i contenuti pubblicati all’interno di un sito. Il problema, semmai, può essere quello di individuare, sia giuridicamente che tecnicamente, l’autore del reato, visto che il documento elettronico, già previsto a livello normativo, è ancora ben lungi dall’essere diffuso nella pratica. Come si può fare ad esempio a stabilire con sicurezza l’autore di un posting all’interno di un newsgroup della rete usenet, quando il messaggio è stato inserito da un computer pubblico come ad esempio un internet point o una biblioteca? Però, al di fuori di queste ipotesi, in cui è di fatto impossibile accertare l’identità del colpevole, quando, dall’esame delle circostanze del fatto e/o magari dall’analisi dei files log dei collegamenti è possibile risalire ad un computer preciso, di pertinenza di un determinata persona, che coincide con quella che per altri versi appare come quelle autrice del messaggio, il giudice penale può accertare che sia questa persona l’autore del reato e condannarla conseguentemente. A riguardo dei delitti di ingiuria e diffamazione, c’è da dire che gli stessi sono tecnicamente diversi dalla calunnia: quest’ultima si ha quando, sporgendo una apposita denuncia querela davanti alle Autorità, si accusa falsamente una persona di un reato sapendola innocente. E’ pertanto praticamente impossibile compiere il reato di calunnia via internet, perché, ad oggi, non si possono inviare querele via posta elettronica. L’ingiuria e la diffamazione sono quei reati che si hanno quando viene offeso l’onore o la dignità di una persona, rispettivamente solo in privato o anche in pubblico. Si ha ad esempio il reato di ingiuria quando si invia una mail privato contenente offese ad una determinata persona, mentre si ha diffamazione nel caso in cui le qualifiche offensive vengano “rovesciate” dentro ad un forum o ad un newsgroup. Ingiuria e diffamazione sono divenuti, ultimamente, reati di competenza del Giudice di Pace. Per richiedere la punizione del colpevole di un reato di questo tipo, rimane sempre necessario presentare una apposita denuncia querela, cosa che può essere fatta, anche senza l’assistenza di un avvocato, presso la locale Stazione dei Carabinieri o presso la Questura. A seguito di tale iniziativa, se la Procura riterrà fondata e perseguibile la notizia di reato, il procedimento si svolgerà di fronte al Giudice di Pace territorialmente competente, il quale se individuerà un colpevole, potrà condannarlo, in seguito alle recenti modifiche legislative, solo ad una multa, cioè una sanzione pecuniaria, ovvero alla permanenza domiciliare o allo svolgimento di un lavoro di pubblica utilità.

Il secondo  è tratto da:http://www.ricercagiuridica.com/penale/visual.php?num=45126

  1. Se denuncio qualcuno per oltraggio o diffamazione o ingiuria o molestie devo stare attento: se non dimostro il reato non otterro’ una sentenza favorevole ma peggio chi e’ stato citato puo’ farmi causa. E in questo caso la vince perche’ e’ provato che io ho sostenuto una accusa infamante non provata.
  2. Quindi prudenza.
  3. L’indirizzo ip e’ un mito che aiuta molto volte ma non sempre: in ogni caso le indagini le fa polizia postale, lasciate perdere di farvi le indagini in casa. Questo e’ tanto piu’ vero quanto su internet spesso ci si presenta con uno pseudonimo: sia chi offende che chi e’ offeso potrebbe non essere riconoscibile. E’ vero anche che lo pseudonimo e’ protetto come il nome, se identifica una persona all’occhio della comunità: quindi valutare caso per caso
  4. Il gestore del sito non c’entra nulla. E’ bene ricordarlo. Le direttive europee si uniformano a questo principio (si veda il codice delle comunicazioni italiano) e non si puo’ rendere un provider responsabile, cosi’ come il sig.re Bic non risponde di tutte le offese scritte con la sua biro.
  5. Il gestore del sito pero’ puo’ aiutare a rimuovere il messaggio: non facendolo se ne assume ogni responsabilità. Prima pero’ di agire contro il gestore del sito dovete mettervi in contatto con lui. Se siete furbi usate l’email o il telefono, e risolvetelo con una richiesta educata.

Se siete esasperati dalla non collaborazione del gestore solo una raccomandata vi aiuterà. Se la scrive il vostro avvocato e’ meglio.

Forse non ci credetere ma i casi piu’ frequenti di intolleranza si verificano da marzo a luglio, quando gli animi si scaldano e la pazienza finisce.

Le vignette:

tratto da:http://www.ricercagiuridica.com/penale/visual.php?num=50435

La Cassazione con sentenza n. 23314 dell’8 novembre 2007 al link indicato condanna il famoso vignettista.

Vorremmo sottolineare che dopo aver ripetuto i motivi del primo e del secondo grado, la Cassazione fa un distinguo su aspetti di procedura, al punto 8 della sentenza.

Cosi’ facendo rigetta il ricorso e conferma le condanna di primo e secondo grado, secondo le quali le vignette non erano satira.

Le argomentazioni contenute pero’ nel corpo della sentenza di cassazione affermano che la satira deve essere riconoscibile come non veritiera ne’ verisimile …

L’Avvocato (non sono sicura che possa mettere la sua firma ma sta lì) suggerisce quindi a Forattini, di mettere sempre: “ogni riferimento a persone o cose e’ puramente casuale”.

Se avete altre notizie o link che possano essere utili, metteteli pure, ricordo ovviamente che tra amici, amici degli amici, zii e parenti, in Italia di avvocati ce ne sono e quindi, magari chiedere una consulenza specifica,  via telefono per raccontare bene il tutto (ovvio fatevi una scaletta prima altrimenti dimenticate la cronologia dei fatti) e via mail (così potrete inviare i documenti e li avrete anche “congelati” in modo che non possano essere rimossi, facendovi perdere le prove). Nella mia esperienza, mi hanno sempre tutti (gli zii vabbè) dato una consulenza chiara e gratuita, per cui, anche se doveste avere un avvocato di fiducia ed in famiglia, sentitene un pò, che se uno sbaglia,ci rimettete tempo e in qualche caso denaro. Io di solito vado a mazzetti di sei. Una chicca, sono anche i professori dell’Università, sono specializzati in quella materia spesso hanno anche un ottimo curriculum e si conosce (o si ricerca) anche il loro effettivo lavoro svolto nei tribunali (o davanti al giudice di pace)

(funziona così anche con i commercialisti)

Trucco che vi posso consigliare, se uno vi insulta, non vi incazzate, non serve, in un tempo successivo, cercate di farvi dire nome e cognome e città o quanto più possibile, o di risalirne da vecchi messaggi o da vecchi articoli. Difficile ma non impossibile se chi lo fa non è troppo sveglio. Si riesce anche a trovarne i cugini volendo. Ovviamente, se uno fosse sveglio non cadrebbe nell’errore di essere denunciabile per diffamazione calunnia o ingiuria, ma di geni è pieno il mondo come si sa.

ladytux

Annunci

12 Risposte to “Insulti su internet,facciamo un pò chiarezza”

  1. filomeno said

    ehi !! di me sai nome,cognome e “città” … ed io che ero convinto di aver cominciato a far breccia 😦
    🙂

  2. Rigitans' said

    io mi sono stancato di queste accuse infamanti, sonod a causa civile! che schifo, le persone per bene a questo mondo ci rimettono sempre…e meno male che semo tutti “compagni”!

    kilombo sta diventando uno strumento di arrivismo. e ci stanno facendo mobbing…

  3. giulia said

    Detto tra noi prima rompete il cordone ombelicale con questi meglio è per l’aggregatore, non fanno altro che tirarvi merda addosso, chiudete le comunicazioni atrimenti scapperanno tutti come lepri

  4. ladytux said

    giulia… a me interessa che votiate e decidiate voi kilombisti e per fortuna l’abbiamo votato in 4.
    è la mia linea su kilombo (su tutto) dal 2007 è la mia linea in associazione, è lamia linea in sezione, è lamia linea ovunque. se esistono 3,9,10 persone devono decidere 3,9,10 persone.
    Altrimenti mi sentirei un’pò ridicola a scendere in piazza contro silvio, pro le preferenze, pro la costituzione o pro lalegalità. Mi sentirei ipocrita e falsa.

    @filomeno…breccia breccia, e chi t’ha più sentito a te? Epoi mica m’hai mai diffamato o ingiuriato 😀

    @rigitans… non vedo l’ora di leggere i bellissimi post che farà qualcuno contro i toni di Silvio o la dittatura silviesca… magari leggeremo anche qualche bel salvate Saviano o stiamo con Travaglio… bellissimo quando scrivono una cosa e poi fanno o ne pensano un’altra.
    Mi diverto di più a leggere mail o commenti del tipo “bruttopezzdestofiglmainfam…eccccc sai che c’è genteche insulta?”
    la prima espressione è basita, la seconda è di “sono su scherzi a parte e sono tutti d’accordo per farmi uno scherzo la terza..rido di chi le scrive che devo fa? bene non ci stanno, ma ognun sa sè.

    besos rojos
    ladytux

  5. augusto pinochet said

    Adesso è intervenuto pietro d che mi ha dato del troll eppure io rispondo con nome e cognome 😀
    ha detto che non volevo la discussione. Ma che discussione è una sparata di insulti e diffamazioni a korvo, mario, precariopoli che non possono neanche intervenire e che sono assenti. Perchè vi lasciate insultare e continuamente mettere sotto accusa da questi qui che non sono nessuno? li ha designati qualcuno? pero’ tisbe (weblogin) vi continua a premere perchè cacciate korvo mario e precariopoli. Si chiamano pressioni, ingiurie, calunnie. Perchè non li espellete cosi vanno a lamentarsi da un altra parte, non vi accorgete che questi non vogliono nessun dibattito ma vanno dall’abbiamo ragione noi al l’accusa continua?
    Pinochet voleva richiamarvi alle vostre responsabilità di eletti, ma adesso banneranno anche lui.
    ciaociao

  6. korvorosso said

    Ebbene si, sono un mostro. Chiedo la mia cacciata da Kilombo previa fustigazione sul popò.

  7. ladytux said

    @pinocchio..scusami ma visto il nick che porti, non ti leggo nemmeno, allergia.

    @korvo..ebbasta, a te lo posso dì,me parete le comaridelbauco! e mò te l’ho detto. Hai lettoilpost? Se t’insultano denuncia. Se insulti tu denunciano te.
    A chi je tocca n’se ngrugna.

    se poi ci sono cose fuori dalla carta, scrivere in redazione.

  8. Mike Buongiorno said

    Domandona da 1000 punti. Sono da considerarsi offensivi i commenti a questo link: http://www.facebook.com/topic.php?uid=63769160182&topic=6709

    al cui interno trovi queste esternazioni non ho capito se sono da considerarsi minacce nei confronti della redazione oppure attività ginnica “Mantieni la moderazione nei commenti, che sennò ladytux e rigitans saltano. Idioti.”

    Ma chi gestisce kilombo, perchè chi comanda inizio a capirlo.
    Ciao

  9. ladytux said

    @mike non sono un avvocato, io.
    Kilombo lo gestisce la redazione di kilombo, kilombo facebook non è chiarissimo. Ho congelato la mia posizione e non solo io, ed aspetto una risposta pubblica dal resto della redazione di kilombo. Per il resto mi sono ovviamente consultata con qualche legale per cautela. Ovvio che queste cose restano fuori da kilombo e fuori da questo blog.

  10. Barbara said

    Ciao a me è capitato su un forum di essere calugnata e insultata e questo da parte del proprietario. Questo perchè ho inserito un link con verso un mio blog che poteva fare concorrenza a questo forum. E’stato scritto che sono una persona subdola, falsa, vipera …e altre belle paroline. Ovviamente ho risposto senza offendere nessuno e che li avrei denunciati per diffamazione. Dopo io sno stata bannata. Ora scrivono che io sono una persona che ha creato grnadi problemi che chissà cosa ho fatto e che son ostata bannata. Visto e considerato che sono conosciuta è giusto utilizzare propri forum mettendo il mio nome e dicendo che cattiverie su di me?

  11. ISOLA ISOLA ISOLA said

    MOTOPORCO ce lo ha insegnato…fare il succhio non è reato!

    La crema del tubo.

    Zaccardelli M. (zuccheriono) da ISOLA DEL LIRI

  12. Wonderful beat ! I wish to apprentice while
    you amend your website, how can i subscribe for a blog site?
    The account helped me a acceptable deal.
    I had been tiny bit acquainted of this your broadcast provided bright clear idea

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: