Ladytux

avanzando senza sosta, su terreni accidentati

Guerrilla radio… vediamo di moblitarci

Posted by ladytux su novembre 18, 2008

Non credo debba insistere per la mobilitazione, chi passa di qui ha l’anima adatta per capire la situazione e quanto sia urgente farlo. Vediamo di coordinarci e cpire cosa fare oltre al pubblicizzarlo ovunque

L’originale è qui, ma per chi non conoscesse l’inglese, vi riporto altri due link e l’articolo intero dell’unità

http://logicokaos.blogspot.com/2008/11/vik-guerrilla-stato-arrestato.html

BBC: http://news.bbc.co.uk/2/hi/uk_news/scotland/highlands_and_islands/7735876.stm

Aggiornamenti

http://www.unita.it/index.php?section=news&idNotizia=73246

lettere:

http://www.infopal.it/testidet2.php?id=9877

Israele, arrestato blogger italiano di ‘Free Gaza’

«Sono partiti questo pomeriggio alle 5.00 spaccate. La SS Dignity con il suo carico di 27 civili disarmati, e una tonnellata di medicinali urgenti, sta veleggiando verso Gaza. Stiamo navigando su acque territoriali Cipriote, verso acque internazionali, diretti verso le acque territoriali di Gaza. Non rappresentiamo nessuna minaccia alla sicurezza di Israele, non andremo in nessun modo vicino ad acque israeliane. E oltretutto, Israele non ha alcun diritto legale di interrompere violentemente la nostra missione». Queste le parole di Huwaida Arraf, attivista palestinese, riportate da Vittorio Arrigoni sul suo blog. Secondo le agenzie stampa palestinesi Vittorio sarebbe stato arrestato dalla Marina militare Israelina martedì mattina insieme ad altri due pacifisti.

Al post di partenza segue quello dell’arrivo della nave di Free Gaza: «Ancora una volta la storia siamo noi. È sbarcato Dignità a Gaza. Da quel momento il blog di Vittorio diventa un vero e proprio diario di bordo della missione dei pacifisti e un diario della speranza del movimento di liberare Gaza dall’assedio.

Ma guerrigliaradio diventa anche un taccuino su cui annotare la disperazione, un tramonto di piombo, quello di Gaza, appunto, quella pace che non arriva e che Vittorio racconta in video seguiti da commenti e poesie. Ma soprattutto c’è la cronaca in diretta sul blog: «Accompagniamo i pescatori palestinesi a pescare al largo. Ogni volta siamo assaliti da navi da guerra israeliane che ci bersagliano con tutto il loro arsenale, ultimamente hanno iniziato a tirarci addosso persino armi chimico – biologiche. Tutto per impedire alla povera gente di procurarsi di che sfamare le loro famiglie».

È il post del 12 novembre firmato Vik, e anche l’ultimo. Sul blog di Vittorio Arrigoni non si trovano da allora altri aggiornamenti. Il titolo del post è: «L’ultima volta che mi hanno assassinato».

18 Nov 2008
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: